Gandhi, noto uomo politico indiano, nel suo libro "Regime e riforma alimentare", afferma: "Per liberarsi da una malattia, occorre sopprimere l’uso del fuoco nella preparazione del pranzo".

Albert Mosséri

Albert Mosséri
"La pratica dell’igienismo così come io la pratico oggi è venuta per gradi; ho dovuto percorrere numerose tappe, in quanto avevo bisogno di cercare il regime adeguato, le buone idee, cosa non facile. E una volta trovate le soluzioni, le tentazioni esterne e interne sono talmente forti che le cose trovate non si possono applicare a primo colpo. Furono necessari anni e anni di lavoro per poter praticare l'igienismo puro...."

A R C H I V I O

Si è verificato un errore nel gadget
Piu' impariamo le leggi della natura che regolano e governano la nostra salute, meno dobbiamo temere il distruttivo attacco della malattia. A. Ehret

La trasformazione durante il digiuno



Digiuno e trasformazione



 
Le migliaia di casi seguiti hanno permesso di accumulare esperienze e di mettere a punto il metodo del digiuno come trasformazione evolutiva.
Il digiuno viene considerato un vissuto che si sviluppa in uno spazio - tempo  non  allineato con quello quotidiano, il momento di uno straordinario viaggio interiore e di un intenso scambio relazionale che si arricchiscono reciprocamente. La profonda commutazione biopsichica del digiuno è colta come l’occasione  per una rinnovata apertura alla vita, per determinare scelte ed apprendere nuovi percorsi: la guarigione e l’accresciuto benessere sono visti come una conseguenza di questa azione primaria.
Consideriamo il digiuno particolarmente adatto:
- a coloro che sono orientati verso l’autogestione del corpo e sono convinti che la salute dipenda in modo primario dallo stile di vita;
- a chi vuole voltare pagina, interrompere situazione di stallo nelle relazioni, nel lavoro, liberarsi da condizionamenti, dipendenze (fumo e abitudini nocive);
- a chi vuole eliminare le conseguenze di abusi alimentari e ricercare un miglior rapporto con il cibo;
- a chi desidera ritardare la senescenza;
- a chi pratica la meditazione, la ricerca spirituale;
- a chi, per sua scelta, rifiuta  le comuni terapie.